Devo usare errori di ortografia per SEO?

  • Ottobre 16 2017
  • SEO

“Ciao Erwan,

Ho una domanda sul referenziamento naturale. Sto creando un sito web e avevo fatto una ricerca per parole chiave.

Il problema è che ho parole chiave come "Ristorante Nantes", quindi creerò una pagina per posizionarmi su questa parola chiave.

D'altra parte, c'erano parole chiave come "Resto Nantes" o "Restau Nantes" quindi con errori di ortografia.

La domanda è: come ottengo anche quelle parole chiave.

Devo anche creare pagine con queste parole chiave con errori di ortografia, sapendo che può essere dannoso per l'immagine del marchio?

Oppure Google sa come sistemare le cose e che quando mi metto sulla parola chiave ristorante Nantes potrà tener conto dei derivati?

Imad"

 

1 / Google corregge automaticamente gli utenti di Internet.

Cosa succede se un utente fa un errore di ortografia? Google esegue la ricerca automaticamente con l'ortografia corretta!

Prova con l'ortografia di Google

 

L'utente di Internet deve davvero insistere con la parola sbagliata per avere i risultati associati.

 

2 / Google associa gli errori di ortografia a un sito di scarsa qualità.

Già nel 2011, Matt Cutts, la voce di Google, ha spiegato che un buon sito è prima di tutto un ortografia e grammatica impeccabili.

In caso contrario, Google potrebbe considerare il sito di bassa qualità e dargli il (cattivo) posizionamento che merita.

 

3 / Google comprende sempre meglio il significato delle query.

Per fornire il miglior risultato possibile agli utenti di Internet, Google è in grado di andare oltre l'ortografia esatta.

Cerca di indovinare il significato dietro la richiesta, l'intenzione dell'utente di Internet quando digita un'espressione o una parola chiave.

Pertanto, Google non si accontenta più del semplice titolo della pagina per indirizzare gli utenti di Internet: prende in considerazione la pagina nel suo insieme.

Ecco perché Backlinko consiglia ad esempio nel suo infografica SEO on-page per decorare il testo:

  1. Occorrenze (la parola chiave mirata).
  2. Di sinonimi.
  3. De co-occorrenze (= Parole chiave LSI, le espressioni associate alla parola chiave: può essere “porta”, “parabrezza”, “guida” ecc. per auto per esempio).

Più un testo è ricco, più parole chiave catturerà, comprese alcune a cui non stavi pensando.

Tuttavia, è l'accumulo di tutte queste "piccole parole chiave" (traffico mensile <10 spesso) che genera l'80% del traffico di un sito. Questo è il principio di coda lunga.

Il sito riceverà così più traffico e quindi potenzialmente più prospettive.

 

4 / Alla fine: che impressione vuoi lasciare?

Stile, sintassi, ortografia ecc. sono parte integrante della tua immagine, della tua comunicazione (ed è comunque una professione diversa dalla SEO/referenziazione).

La domanda finale è quindi: che impressione vuoi dare al lettore?

I difetti faranno necessariamente una cattiva impressione e forse diminuire il tasso di conversione.

Quindi, piuttosto che esitare tra "restau nantes" o "Restaurant sur Nantes", chiediti semplicemente: cosa si aspettano i tuoi clienti?

Cosa devono leggere per essere convinti?

 

Ho guadagnato i miei primi guadagni sul web nel 2012 sviluppando e monetizzando il traffico dei miei siti (AdSense...).


Dal 2013 e dai miei primi servizi professionali, ho avuto l'opportunità di partecipare allo sviluppo di più di 450 siti in più di +20 paesi.

Leggi anche sul blog

Visualizza tutti gli articoli
Non ci sono commenti

Un commento ?