In quali campi interviene la stampa 3D?

Chiamata anche produzione additiva, la stampa 3D è un insieme di processi che si basano sull'aggiunta di materiale attraverso la modellazione. Nella sua implementazione, la stampa 3D si oppone alla produzione sottrattiva, che procede rimuovendo materiale. Precedentemente confinata in determinate aree, la stampa 3D è diventata oggi altamente democratizzata. Ora, le sue applicazioni sono diverse e coprono molti settori di attività, come vedrai in questo post.

La stampa 3D in medicina e odontoiatria

La tecnologia di stampa 3D è ampiamente utilizzata in medicina in generale e in odontoiatria in particolare.

La stampa 3D in medicina

Apparso più di due decenni fa, La stampa 3D ha fatto notevoli progressi. Oggi è ampiamente utilizzato in medicina e consente di ottenere soluzioni efficaci e innovative. Dalla biostampa alla produzione chirurgica e protesica, la stampa 3D ha rivoluzionato la medicina nel corso degli anni. Grazie alla produzione additiva, i professionisti oggi progettano protesi su misura sovrapponendo più strati di materiale.

Ci sono molti altri esempi di stampa 3D in medicina. Penso in particolare alla produzione di bioprinting come ho discusso sopra, che consente la produzione di tessuti biologici umani. Diffuso è anche il suo utilizzo in ambito chirurgico. In questo caso, la produzione additiva lo consente simulazioni di operazioni chirurgiche. I chirurghi riescono quindi a formarsi e ad esercitarsi prima di passare all'intervento stesso. Questo processo riduce errori e complicazioni.

Produzione additiva in odontoiatria

Un altro esempio evocativo di produzione additiva in medicina è nel campo dell'odontoiatria. Per gli specialisti in questa branca della medicina, dotatevi di una stampante 3D professionale è evidente, visti i notevoli risultati che questa tecnologia consente. Infatti, è comunemente accettato che le operazioni sui denti siano spesso delicate. Era necessario trovare soluzioni più efficaci, che preservassero l'estetica dei denti dei pazienti.

dente di stampa 3d

Questo è esattamente ciò che offre la stampa 3D applicata all'odontoiatria. Per modificare la posizione di un dente o sostituirne uno, La stampa 3D garantisce prestazioni cliniche avanzate ed efficienza. Si basa sull'automazione del processo e offre logicamente maggiore precisione. Ora la tendenza è verso l'odontoiatria digitale, che copre molti ambiti: protesi dentarie, implantologia, ortodonzia, chirurgia maxillo-facciale.

Combinando scanner, software e materiali di stampa 3D, l'odontoiatria digitale ottimizza i flussi di produzione e velocizza il processo produttivo. È a vantaggio di questa rivoluzione instillata dalla produzione additiva che oggi si parla sempre più di medicina su misura. Tuttavia, alcune applicazioni della produzione additiva in medicina e odontoiatria sono ancora in fase sperimentale, anche se promettente.

La stampa 3D in architettura e arte

Esistono anche applicazioni della produzione additiva nel campo dell'architettura e dell'arte. In architettura, la stampa 3D viene utilizzata per progetti preliminari. In questo caso, ispira la realizzazione di modelli e la modellazione di edifici, che saranno utili dall'inizio del progetto fino alla sua completa realizzazione. Qui, la stampa 3D favorisce la produttività e la riduzione dei costi (del 75% per alcuni specialisti del settore).

Ad esempio, come preludio alla Coppa del Mondo del 2022 che si svolgerà in Qatar, i ricercatori della Qatar University hanno prodotto modelli di diversi stadi mediante stampa 3D. Lo scopo di questa proiezione era quello di test di progettazione, resistenza climatica locale, qualità del tappeto erboso, illuminazione e aerodinamica stadi.

Il minimo che si possa dire è che questo approccio ha prodotto risultati convincenti, vista la posizione degli stadi che ospiteranno i prossimi Mondiali. E questo è solo un esempio tra tanti altri. La stampa 3D, infatti, viene utilizzata anche a monte della realizzazione di singole abitazioni, locali commerciali, strade, edifici industriali, ecc.

Nel campo del design artistico, la stampa 3D è anche fonte di una notevole rivoluzione. Nel mondo dell'arte ha mosso i suoi primi passi nella prima decade del 2000 ed è stata oggetto di un'apprensione alquanto mista. È stato nel 2015 che la percezione del 3D nel design artistico si è davvero evoluta. Lo testimonia la mostra “stampare il mondo” al Centre Pompidou nel 2017. Questo evento è stato l'illustrazione perfetta dell'influenza della produzione additiva sul design artistico.

Questo mostra quanto la stampa 3D abbia rivoluzionato anche questo universo. In questo caso permette di risparmiare tempo e precisione. Favorisce l'immersione totale. Ne sono un esempio i lavori di Sebastian Errazuriz per la galleria Elizabeth Collective di New York, la stampa 3D delle ninfee di Claude Monet. Più recentemente, all'Expo mondiale di Dubai nel 2020, la produzione additiva ha consentito la replica del David, Capolavoro rinascimentale di Michelangelo, in proporzioni identiche all'originale.

Mobili con stampa 3D

Produzione additiva nell'istruzione e nella ricerca

Nel settore dell'istruzione e dell'insegnamento, la stampa 3D ha favorito interessanti progressi. Lo associamo grande potenziale educativo. Renderebbe gli studenti consapevoli delle tecnologie innovative. Meglio ancora, li aiuterebbe a prepararli per un mondo completamente nuovo, in cui la tecnologia e gli esseri umani sono chiamati a collaborare.

Gli usi della produzione additiva nell'istruzione sono diversi. La modellazione 3D consente, ad esempio, di progettare organi fittizi in modo che gli studenti possano capire meglio come funziona il corpo umano. Questo approccio rende più facile la comprensione per gli studenti, poiché la stampa 3D li avvicina alla realtà.

Viene utilizzato anche nelle scienze umane e nelle discipline artistiche per le creazioni in miniatura. La stampa 3D nell'istruzione stimola il risveglio e la curiosità degli studenti. Facilita la comprensione di concetti astratti e suscita molto presto una cultura imprenditoriale nei bambini. Questi ultimi possono progettare essi stessi progetti tecnici e creativi.

Inoltre, ci sono anche applicazioni della stampa 3D nella ricerca educativa. A riprova, l'Università di Tokyo dispone ora di un laboratorio interamente dedicato alla produzione additiva. Il suo obiettivo è rendere questa tecnologia accessibile ai suoi insegnanti e studenti e porre fine al suo vecchio processo di produzione basato su taglio e utensili. Anche l'Università del Minnesota ha scelto la produzione additiva. In Francia, la produzione additiva è un settore che sta reclutando, in quanto oggetto di numerosi studi.

Il settore automobilistico al passo con la stampa 3D

Si stima che entro il 2028 la stampa 3D dovrebbe generare 12,4 miliardi di dollari nel settore automobilistico. Ciò mostra l'influenza della produzione additiva sull'industria automobilistica. In questo campo, la stampa 3D consente la realizzazione di prototipi come preludio alla realizzazione di un modello di veicolo. Promuove la velocità del design automobilistico e aiuta i principali gruppi automobilistici a offrire ai propri clienti veicoli ad alte prestazioni e la tecnologia più recente.

L'Audi tedesca, di proprietà del gruppo Volkswagen, ha ad esempio scommesso sulla stampa 3D mediante material jet per produrre determinati modelli di veicoli. È in vista degli impressionanti vantaggi del 3D che il produttore tedesco BMW ha aperto il proprio centro di produzione additiva, nonostante abbia utilizzato questa tecnologia per più di due decenni. La BMW Roadster i8 è una straordinaria illustrazione della stampa 3D nel mondo automobilistico.

Ford, Bugatti, Ferrari, Lamborghini, Mercedes sono altri marchi automobilistici di lusso che hanno incorporato la produzione additiva nel loro processo di produzione per diversi anni. Ha permesso di ottimizzare le prestazioni, l'estetica, l'aerodinamica e la reattività dei freni su questi veicoli.

La stampa 3D trova applicazioni anche nel design dei prodotti… Vale a dire che la gamma di possibilità è ampia, ed è tutt'altro che sgretolata, anzi!

Ho guadagnato i miei primi guadagni sul web nel 2012 sviluppando e monetizzando il traffico dei miei siti (AdSense...).


Dal 2013 e dai miei primi servizi professionali, ho avuto l'opportunità di partecipare allo sviluppo di più di 450 siti in più di +20 paesi.

Leggi anche sul blog

Visualizza tutti gli articoli
Non ci sono commenti

Un commento ?