Come fare un rapido audit della concorrenza web?

Come faccio a sapere se ho la possibilità di classificarmi bene su una query? Vale la pena avviare un e-commerce in questo mercato? Qual è il livello di concorrenza?

In SEO, qualunque sia il parametro, la risposta è sempre semplice: dipende dai tuoi competitor. Non devi necessariamente fare bene, devi fare di meglio.

Da qui l'interesse, che si tratti di un sito nuovo o di un sito consolidato che cerca di progredire, di misurare costantemente l'andamento della concorrenza.

Lo studieremo insieme da una prospettiva SEO, basata sui principali fattori di ranking in Google.

1° criterio: i link.

Ci concentreremo in particolare sul numero di domini di riferimento che si collegano a un sito.

Alcuni strumenti per farlo:

  1. Ahrefs : a pagamento, periodo di prova.
  2. Majestic : alcuni crediti gratuiti ogni giorno per una ricerca; può essere sufficiente per una rapida panoramica.
  3. Site Explorer aperto : lo strumento del sito MOZ.com, formidabile per i siti anglosassoni ma piuttosto triste per i siti francofoni. Infatti, trova meno domini di riferimento rispetto agli altri.

Prendi l'esempio "internetbusiness.fr" (a caso).

Questo dà su Majestic:

Esempio di domini di riferimento Majestic

Quindi guardiamo il numero in rosso: 125.

È buono/cattivo? Ancora una volta, tutto dipenderà dai concorrenti del tema. In questo caso è medium per SEO/web marketing:].

Cosa succede se 2 siti sono vicini per numero di domini di riferimento?

Il “flusso di fiducia” farà senza dubbio la differenza!

Un link dal sito del Ministero del Lavoro, ad esempio, farà più bene di 10 link da siti di TPE/artigiani.

Continuiamo sui domini di riferimento con Ahrefs:

Domini di riferimento secondo Ahrefs

E finiamo con OSE:

Domini di riferimento secondo OSE MOZ

Ogni strumento è più o meno nitido:]. Indipendentemente dalla loro accuratezza relativa, poiché l'idea è di confrontare i siti tra loro, anche OSE sarà utile se esaurisci i crediti sugli altri 2 ~~.

In una fase in cui sei alla ricerca di link da impostare per potenziare il tuo sito, ti consiglio ovviamente di ricorrere invece a Majestic o Ahrefs, anche a costo di investire in un mese di abbonamento a pagamento.

Visto il peso sempre costante dei link, sarebbe un peccato esitare.

Allo stesso tempo, vi invito a rileggere questo articolo sulla difficoltà delle parole chiave ; lo strumento Ahrefs prende i link come unico criterio per giudicare la difficoltà di una richiesta. E i risultati alla fine sono abbastanza convincenti:

Parola chiave di difficoltà Ahrefs

2° criterio: il contenuto.

Quante pagine indicizzate?

Qual è la "dimensione" del sito?

Il comando "site:" risponde ad esso su Google; esempio qui per boutique-lenouy.com e le sue 1 pagine indicizzate:Pagine indicizzate in Google

In generale, Google fissa un tetto per i siti "grandi", intorno a 1.

Quanto è lungo il testo sulla homepage?

La lunghezza media dei testi su altre pagine?

Quali sono le parole più usate?

L'estensione del browser SEOQuake (Google Chrome) può aiutarti a confrontare rapidamente alcune pagine:

Parole chiave di densità SeoQuake

Questi testi sono semanticamente rilevanti?

Le parole chiave sono attese da Google e dall'utente Internet?

Alcuni strumenti semantici per farsi un'idea:

1.fr

Seo-eroe.tech

seoquantum.com

Il tuo testo.guru

3° criterio: tecnica.

I siti sono "responsive"? Veloce?

Due strumenti essenziali:

Google Page Speed

GTMetrix

Sono tecnicamente ottimizzati?

Consulta l'audit della pagina SEOQuake cliccando su "DIAGNOSI":

Audit della pagina SEOquake

Per analizzare più pagine, usa un crawler standard ScreamingFrog :

errore-404-screaming-rana

Tutto in uno strumento ma limitato nella versione gratuita: Dareboost ou WooRank.

Ahrefs, MOZ e SEMrush offrono anche un web crawler a pagamento.

4° criterio: prestazione complessiva.

SEMrush e Ahrefs forniscono una stima del traffico di un sito in base al posizionamento delle sue parole chiave in Google.

Il risultato finale è spesso molto minore, ma la tendenza è relativamente corretta.

Quindi non conoscerai il traffico esatto di un sito ma saprai quale sta andando meglio.

Traffico degli agenti immobiliari di SEMrush

Allo stesso modo, la classifica di Alexa cerca di determinare una classifica nazionale e globale dei siti in base al loro pubblico:

Classifica Alexa

SimilarWeb utilizza in parte i dati di Alexa per eseguire i propri benchmark.

5° criterio: social network.

I social network partecipano mediamente al 10% del fatturato di un E-commerce. Non hanno un impatto diretto sulla referenziazione naturale.

D'altra parte, attirare i visitatori che trascorrono del tempo sulla pagina per vedere il tour del sito, può avere un impatto decisivo.

Devi tenere a mente una logica ROIste per avvicinarti a loro (quanto spende ogni euro?) e non esitare a utilizzare le opzioni a pagamento per espandere il tuo pubblico.

Il numero dei "follower" alla fine conta poco: quello che conta è l'engagement, le condivisioni e le risposte dei fan!

Esempio su Facebook, da un articolo Il 2014:

Utenti coinvolti su Facebook

Aggiornamento 2020: quando ho scritto l'articolo nel 2017, ho usato Klour per misurare il peso di un account su Twitter e altri social network. Lo strumento non c'è più, te lo offro io articolo in inglese se vuoi sapere perché.

Punteggio totale di Klout

Finalmente qualche credito gratuito ogni giorno su Buzzsumo, che ti consente di vedere quali articoli sono i più popolari per un sito o una parola chiave.

Analisi comparativa di Buzzsumo

6° criterio: referenze a pagamento/link sponsorizzati.

Non è facile stimare l'occupazione di spazi pubblicitari online da parte dei tuoi concorrenti. 2 tracce:

SEMrush, che mostra una curva di traffico a pagamento (arancione) vicino alla curva di traffico naturale (blu).

Curva di riferimento a pagamento SEMrush

Fai attenzione, perché come per il riferimento naturale, SEMrush dà una tendenza ma non può essere esaustivo.

Il tuo buon senso: cosa vedi in Google Shopping/Adwords/Bing Ads quando digiti le parole chiave principali in incognito?

Prendere appunti sui diversi concorrenti in base a questi elementi aiuterà a sgomberare un mercato estima le tue possibilità di fare il tuo posto lì, a seconda della raffinatezza dei risultati.

Una volta misurata la temperatura, non resta che impostare un piano d'azione realistico :].

Ho guadagnato i miei primi guadagni sul web nel 2012 sviluppando e monetizzando il traffico dei miei siti (AdSense...).


Dal 2013 e dai miei primi servizi professionali, ho avuto l'opportunità di partecipare allo sviluppo di più di 450 siti in più di +20 paesi.

Leggi anche sul blog

Visualizza tutti gli articoli
Non ci sono commenti

Un commento ?