Come sviluppare (correttamente) una startup a livello internazionale?

Lo sviluppo internazionale di un'azienda è un passo logico non appena le prospettive di crescita nel suo mercato interno sono limitate rispetto alle potenzialità di altri paesi.

In "Good to Great", Jim Collins fornisce l'esempio visionario dello sviluppo all'estero di Philip Morris e del suo marchio Marlboro.

Da buono a ottimo - sviluppo internazionale

Negli anni '60, l'azienda del tabacco ricavava il 99% delle sue entrate dal mercato americano.

Il suo CEO, Joe Cullman, vede i mercati internazionali come la migliore opportunità di crescita a lungo termine.

Non avendo una strategia precisa, decide di nominare il suo elemento migliore, George Weissman, per realizzarla. Quella che da molti fu vista come una sanzione si rivelò un colpo di genio poiché vent'anni dopo Philip Morris divenne leader mondiale indiscusso con il suo marchio Marlboro.

Ovviamente, anche se bisogna porsi sempre un obiettivo ambizioso, non tutti possono diventare i numeri uno nel proprio settore. Se il tuo mercato interno è saturo, tuttavia, ovunque la produzione sia complicata, diversificare in un altro paese potrebbe essere il modo migliore per vincere nel lungo periodo.

Ecco alcuni punti chiave da tenere in considerazione per alimentare la tua strategia.

1 / Ottieni supporto: trova il partner giusto

Se stai leggendo questo articolo dopo aver fatto qualche ricerca su Google, probabilmente è perché ti stai saggiamente ponendo la questione del supporto per un nuovo progetto all'estero.

E hai indubbiamente ragione: prendi le informazioni, vedrai poi cosa ti si addice meglio: supporto, associazione, partnership… o da solo!

Alcuni incubatori sono specialisti internazionali, come Plaine Images a Lille, ad esempio:

https://www.plaine-images.fr/accompagnement-start-up-et-entreprises/developpement-international/

2 / Stabilire un business plan "SMART".

Il marketing in entrata ha reso popolare la nozione di "obiettivo SMART":

  1. Specifica.
  2. Misurabile.
  3. Su cui il team è d'accordo ("Agreeed Upon").
  4. Realistico.
  5. Pianificato in tempo ("Tempestivo").

Normalmente, questo è tutto ciò che un business plan deve essere quando non mira solo a indicare i numeri che ti si addicono per portare avanti il ​​progetto;).

3 / Fidati prima dei DATI.

Nel marketing e negli affari in generale, devi stare attento alle opinioni e alle intuizioni personali.

senza dati solo un'opinione

La massiccia digitalizzazione dei dati (big data) consente normalmente di giustificare qualsiasi opinione o decisione.

Sono i dati che devono essere la spina dorsale del tuo progetto, soprattutto in un Paese che non controlliamo (ancora completamente).

4 / Fare il punto sugli aiuti finanziari.

Ti do 2 risorse ovvie, ma penso anche che l'aiuto esista nel paese ospitante.

A / Il sito web del governo:

https://www.economie.gouv.fr/entreprises/aides-export

B / Il sito web della CCI:

https://www.cci.fr/ressources/international/les-aides-lexport

5 / Eseguire un buon benchmarking Web/SEO.

Personalmente, questo sarebbe il mio primo passo prima di qualsiasi approccio.

Qual è la loro offerta/il loro posizionamento?

Quanto sono forti i competitor locali? Di quale budget avrei bisogno in termini di contenuti e link per superarli?

Poco importa la loro forza "fisica", la qualità del loro impianto. Se sono "piccoli" su Internet, sarà più facile vincere.

6 / Scegli la/e persona/e giusta/e per la tua organizzazione interna.

Come abbiamo visto con l'esempio di Philip Morris, quasi il manager giusto da solo può rendere una filiale un successo.

Hai anche la possibilità di nominare prima un agente commerciale per testare il mercato.

Infine, un'impresa locale può anche essere il partner perfetto per completare il tuo approccio culturale e sviluppare relazioni/rete più velocemente.

Ho guadagnato i miei primi guadagni sul web nel 2012 sviluppando e monetizzando il traffico dei miei siti (AdSense...).


Dal 2013 e dai miei primi servizi professionali, ho avuto l'opportunità di partecipare allo sviluppo di più di 450 siti in più di +20 paesi.

Leggi anche sul blog

Visualizza tutti gli articoli
Non ci sono commenti

Un commento ?