Dovremmo comprare fan e "mi piace" sui social network?

  • Marzo 12 2020
  • SMO

Molte aziende quando iniziano su Internet hanno il riflesso di registrarsi sui social network.

Il tempo passa... e i fan non sono necessariamente lì. Perché sviluppare la popolarità di una pagina socialè sviluppare il traffico di un sito web. Quella richiede strategia... e tempo.

Per superare l'uno o l'altro, può essere allettante comprare fan per dare l'impressione di un'azienda affermata sul web.

Inoltre, sia su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest, Instagram, è possibile ottenere Mi piace, Mi piace ecc. per pochi dollari digitando compra follower instagram in Google per esempio.

Ne vale davvero la pena? Che ritorno possiamo aspettarci?

I - Una fragile popolarità.

Account falsi e follower falsi non sono ufficialmente tollerati dai social media.

Il loro modello di business si basa sugli annunci pubblicitari offerti al loro pubblico ("Annunci"). Se il loro pubblico è composto da utenti fittizi, ciò può danneggiare la loro credibilità con gli inserzionisti.

Pertanto, l'obiettivo dei social network è quello di adottare tutte le misure per limitare la manipolazione sulla loro piattaforma. Ma, come per Google, tra quanto annunciato e la realtà c'è spesso un divario...

Alcuni account un po' artificiali persistono mentre gli strumenti esprimono riserve - vedi il mio articolo " Juppé contro Sarkozy Del 2014 per esempio.

Fino a febbraio 2020, il sito Fakers.statuspeople.com ha permesso di confermare la realtà della popolarità di un account su Twitter:

Punteggi falsi di EB

Ho appena visto il suo abbandono da parte dello sviluppatore e spero di trovare rapidamente un equivalente. Se hai tracce (idealmente gratuite), sono un acquirente;).

II - Non confondere influenza e numero di tifosi.

Dire che basta un gran numero di fan sui social network per trarne vantaggio è ignorare ciò che fa il valore, la forza dei social network: impegno, influenza.

Una community composta da robot non trasmette un messaggio e non consuma : ha poco o nessun valore.

Se torno al mio articolo su Juppé/Sarkozy, siamo giunti alla seguente conclusione su Facebook confrontando il numero di fan e il numero di "persone che ne parlano" (dati di settembre 2014):

  1. François Hollande ha 19 "persone che ne parlano" per 131 fan = Tasso di coinvolgimento del 3,81%.
  2. Manuel Valls = 2 / 596 = Tasso di coinvolgimento del 6,92%.
  3. Nicolas Sarkozy = 33 183/987 633 è a Tasso dell'3,36%.
  4. Infine, Alain Juppé stupisce con 11 / 437 = Tasso di coinvolgimento del 19,47%.

Mentre Nicolas Sarkozy aveva quasi un milione di fan, Alain Juppé aveva un comunità 6 volte più attiva, che relativizzava a priori questo abissale divario.

III - Quale ritorno sull'investimento alla fine?

Come abbiamo appena visto, con un po' di senno di poi è possibile smascherare velocemente i truffatori!

Una tale rivelazione può avere un impatto catastrofico per il marchio interessato. Questo è il primo buon motivo per rinunciarci...

Ma valutare il ROI dell'acquisto di fan è piuttosto semplice alla fine: basta seguire l'evoluzione delle aziende che offrono questo servizio.

Durante un'indagine sull'argomento nell'ottobre 2014, l'inviato speciale aveva interrogato il capo dibuy-des-fans.com, Thibault Trezières.

Rispetto a lui per questo outreach con i giornalisti nazionali!

Alcuni utenti di Internet sono rimasti scioccati da questo tipo di manipolazione. Credo che dobbiamo evitare di ragionare nel bene o nel male.

Essere veri sui social media è sicuramente il più redditizio nel lungo periodo. Ma un boost di start-up in termini di follower può aiutare a convincere gli indecisi e partecipare al successo del lancio di un prodotto e del suo business.

Attenzione, però, perché se il prodotto e il servizio che c'è dietro non sono all'altezza, l'azienda non sarà sostenibile e perenne. Perché prendersi così tanto disturbo per " un colpo "?

Ho guadagnato i miei primi guadagni sul web nel 2012 sviluppando e monetizzando il traffico dei miei siti (AdSense...).


Dal 2013 e dai miei primi servizi professionali, ho avuto l'opportunità di partecipare allo sviluppo di più di 450 siti in più di +20 paesi.

Leggi anche sul blog

Visualizza tutti gli articoli
Non ci sono commenti

Un commento ?