L'e-commerce può fare a meno della SEO?

Ho appena letto un articolo dal sito di lingua inglese "Practical E-commerce", datato 30 ottobre 2015.

In questo articolo l'autore, gestore di un E-commerce dal 2000, si interroga sulinteresse della SEO per un E-commerce.

Infatti, secondo lui:

1 / Manipolare i risultati dei motori di ricerca è una cattiva idea.

2/ Devi fare affidamento sull'autorità del sito: attendi che Google lo posizioni correttamente.

3 / È preferibile ignorare la SEO a favore dei link sponsorizzati (SEA - Adwords).

Sono rimasto molto sorpreso che l'articolo abbia raccolto un centinaio di condivisioni sui social network senza alcuna domanda.

 

I - Google è il promotore numero uno della SEO.

Google menziona il riferimento naturale nel suo Accademia Google, guida alla creazione di siti di qualità.

Creare un sito di qualità, soprattutto per un E-commerce, significa pensare, ad esempio, alla struttura del proprio sito, parte integrante della SEO.

Fai a meno della SEO dell'e-commerce

Google offre un secondo guida dedicata all'ottimizzazione per i motori di ricerca. Discute in particolare l'esempio di un sito commerciale che offre contenuti e prodotti relativi al baseball.

Questa guida mette in evidenza la tecnicità della SEO: gestione dei tag meta description, immagini, titoli...

È poi possibile monitorare la corretta integrazione di questi consigli tramite la Google Search Console (ex Google Webmaster Tools).

Ignorare i consigli di Google significa privarsi del potenziale traffico e delle entrate.

 

II - La nozione di autorità di sito.

La nozione di autorità si riferisce alla fiducia che un sito ispira in Google e alla sua capacità di posizionare le sue pagine su parole chiave, grazie alla potenza dei link che puntano ad esso e alle sue pagine interne.

Esistono strumenti per misurare l'autorità di un sito, ad esempio:

1 / Open Site Explorer, creato da MOZ.com: misura l'autorità di un sito e di una pagina. Per posizionarsi bene su una parola chiave o una frase, l'autorità della pagina deve essere superiore a quella dei suoi concorrenti.

2 / MajesticSEO misura anche la forza di un sito e la qualità dei suoi link sotto forma di 2 indicatori: CitazioneFlow et FiduciaFlow.

Certo, può essere allettante voler creare link artificialmente per rafforzare la tua autorità... e rischiare una penalità algoritmica o manuale da parte di Google.

Non dovremmo fare nulla per tutto questo? Certamente no. Bisogna mettere in atto collegamenti significativi, ripercorrere su Internet ciò che l'azienda è nella vita reale.

La maggior parte dei municipi, comunità di comuni, ICC, ecc. offrono la possibilità di essere citati nel loro sito. E i tuoi clienti e fornitori abituali?

Inoltre, quali sono i siti di autorità nel tuo tema? C'è la possibilità di scrivere una cronaca nelle loro pagine?

Un E-commerce che si avvia deve cogliere tutte le opportunità dei link legittimi. È in gioco la sua sostenibilità.

È possibile guadagnare link aggiuntivi attraverso ottimi contenuti (Marketing Content). Ma questo tipo di collegamento si verifica generalmente solo entro 6 mesi - 1 anno, una volta che la notorietà del sito è già iniziata.

 

III - SEO e SEA sono complementari.

Non è razionale scommettere su un unico canale per promuovere un E-commerce, in quanto non è prudente per un'azienda avere un cliente che rappresenta una quota eccessiva del proprio fatturato.

Il Search Engine Marketing (SEM) include SEO, SEA e SMO (social network). Un sito equilibrato dovrebbe cercare di sfruttare ogni canale.

Ed è tanto più logico e facile in quanto questi canali sono complementari: una pagina ottimizzata per il SEO è generalmente anche per SEA e SMO (titolo, contenuti rilevanti…).

Resta da considerare la dimensione di conversione : modulo di registrazione, evidenziazione dei prodotti correlati dopo un articolo ...

Recentemente ho avuto l'opportunità di lavorare con un cliente su un marchio di stivali proposto nel suo E-commerce:

1 / Abbiamo proposto il miglior articolo possibile sull'argomento, sia per l'utente di Internet che per i motori di ricerca.

2 / Abbiamo condiviso questo articolo sui social network consultati dai suoi clienti (Facebook, Twitter, Hellocoton…).

3 / Abbiamo creato una campagna Adwords et BING con annuncio grafico per la pagina. Il costo per clic (CPC) effettivo è molto inferiore al CPC teorico grazie alla pertinenza della pagina e alla buona percentuale di clic (CTR) dell'annuncio.

 

Oltre al SEM stesso, ci sono molti altri metodi per pubblicizzare un sito, anche solo su Internet: mailing, affiliazione...

Fare una scelta su questi mezzi secondo un ragionamento costruito e secondo le sue priorità: perché no.

Escludere a priori la SEA, ad esempio con il pretesto che è troppo costosa, o la SEO per la sua inefficacia, è spararsi sui piedi.

Ho guadagnato i miei primi guadagni sul web nel 2012 sviluppando e monetizzando il traffico dei miei siti (AdSense...).


Dal 2013 e dai miei primi servizi professionali, ho avuto l'opportunità di partecipare allo sviluppo di più di 450 siti in più di +20 paesi.

Leggi anche sul blog

Visualizza tutti gli articoli
Non ci sono commenti

Un commento ?