Come perdere il tuo E-commerce? 5 errori da evitare

Primo riflesso quando mi dicono della referenziazione di un E-commerce? Dai un'occhiata alla curva del traffico in SEMrush o Ahrefs:

e-commerce-risultato

 

In questo caso, il valore del sito è stimato in ... $ 1.

Tuttavia, ha 580 indicizzati da Google, su un argomento di concorrenza a prezzi accessibili.

Perché queste pagine sono classificate erroneamente? Voici 5 errori da evitare per la referenziazione del tuo E-commerce.

 

1 / Credi che la piattaforma E-commerce faccia tutto!

Attenzione alle soluzioni di sito "pronte all'uso". Se possono essere visivamente corretti, dovrebbero essere presi dal punto di vista SEO.

Esempio con un sito Oxatis (questo è il caso che ho davanti a me, gli altri concorrenti probabilmente non farebbero meglio o peggio):

scansione-sito-oxatis-2

 

Dopo una rapida scansione con ScreamingFrog, vediamo che un certo numero di pagine e titoli sono duplicati (e questo è solo un esempio qui).

Inoltre, i sottotitoli ("intestazioni"), che consentono di specificare il contenuto della pagina per Google, sono anche duplicati... o addirittura completamente assenti (H2):

striscio-intestazioni-oxatis

 

 

Ricordiamo che Oxatis rappresenta circa il 2% del mercato dell'e-commerce in Francia:

e-commerce-tecnologia-francia

 

È di per sé un grande successo... ma la loro pubblicità Adwords mi sembra esagerata:

annuncio-oxatis

 

soluzioni leader in Francia (e in Europa...) sonoopen source : Prestashop e WooCommerce (WordPress).

A livello globale, WooCommerce e Magento dominano, anche nel top 1 milione di e-commerce :
cms-e-commerce

 

Personalmente consiglio WooCommerce per 2 motivi:

  1. Peso della comunità globale e numero di plugin gratuiti che ne derivano (dati strutturati, AMP…).
  2. migliore curva di apprendimento : soluzione più semplice da capire per un non specialista IT.

 

2 / Crea un nuovo nome di dominio.

Riferimenti = link + contenuto.

Se hai un vecchio nome di dominio, è probabile che tu abbia già dei link (elenco, clienti, fornitori, comune, CCI, ecc.).

 

I link costituiscono circa il 50% della SEO. Privarsi di un nome di dominio potente è letteralmente tagliarsi una gamba e saltellare sul web.

Ed è quello che è stato fatto qui.

Ecco i link al dominio originale, che ha 100 domini di riferimento di qualità:

link-dominio-originale

 

Ecco i dati del nuovo sito:

nuovi-link-sito

 

3 / Ignora le parole chiave e la concorrenza.

In che modo gli utenti di Internet possono trovare i tuoi prodotti e servizi? Attraverso l'ottimizzazione delle tue pagine per le parole chiave più popolari.

Inizia con la ricerca delle giuste parole chiave (intenzione di acquisto, volume corretto, concorrenza conveniente, ecc.):

Ricerca per parole chiave

Estratto dall'articolo ''come classificarsi »Di MOZ

 

Titolo della home page? " Negozio ".

E se sto guardando un concorrente? « Tapparella, ricambio e motorizzazione".

Questo permette accumulando link + pagine ottimizzate (url, titolo, intestazioni...) su parole chiave per avere un risultato più redditizio:

risultati-concorrente

 

4 / Trascurare l'HTTPS.

HTTPS (protocollo sicuro) è il standard desiderato da Google.

Il suo impatto sulla SEO non è più discusso:

Correlazione SEO HTTPS

 

Il sito qui studiato sembrava avere la volontà di allestirlo, ma senza successo per il momento:

ssl-presente

 

Potrebbe essere attivo solo su determinate pagine, ma la migliore pratica, soprattutto per un nuovo sito, è includerlo ovunque.

 

5 / Non pensare “mobile first”!

Non importa il prodotto o il servizio: il flusso di clienti su mobile ormai o è maggioritario, o quantomeno vicino.

Il mese scorso, un rispettabile business manager di E-commerce mi ha spiegato che non ha bisogno di renderlo responsive (adatto a cellulari/tablet).

Infatti, tutti i suoi clienti utilizzano un computer desktop.

Tranne che una semplice occhiata a Google Analytics ha rivelato che oltre il 40% del suo traffico proviene da dispositivi mobili.

Ovviamente:

  1. La frequenza di rimbalzo è forte (i visitatori escono direttamente).
  2. Google offre meno di un sito nei risultati del suo motore quando non è reattivo... e la sua frequenza di rimbalzo è alta.

Da qui una stupida perdita di fatturato.

 

In questo caso, se il sito in questione è teoricamente adattato al mobile, è invece… lento.

Punteggio e suggerimenti PageSpeed ​​Insights :

suggerimento-pagespeed

 

Velocità secondo GTmetrix :

punteggio-gtmetrix

o un sito lento = abbandono della pagina / transazione.

 

Conclusione : un e-commerce ambizioso è prima di tutto una riflessione a monte. Per fortuna non è mai troppo tardi per fare di meglio.

 

Ho guadagnato i miei primi guadagni sul web nel 2012 sviluppando e monetizzando il traffico dei miei siti (AdSense...).


Dal 2013 e dai miei primi servizi professionali, ho avuto l'opportunità di partecipare allo sviluppo di più di 450 siti in più di +20 paesi.

Leggi anche sul blog

Visualizza tutti gli articoli
Non ci sono commenti

Un commento ?