Quali sono i fattori critici da considerare quando si seleziona un nuovo host web per migrare un sito web?

Gli host Web sono migliaia su Internet, con aziende che esistono sin dall'inizio della rete di reti. Ma non tutte le aziende sono uguali e non offrono gli stessi servizi.

Alcuni sono competenti, altri meno bravi e alcuni dovrebbero essere evitati.

In questo articolo tratteremo qualcosa che può accadere a chiunque abbia un sito Web: la migrazione dei dati. Vedremo cos'è la migrazione, come si fa e quali sono i punti da tenere in considerazione quando si sceglie l'host su cui si vuole migrare il proprio sito web.

Definizione di migrazione dei dati.

Nell'informatica, la migrazione dei dati è qualsiasi processo di trasferimento dei dati dal supporto A al supporto B. L'invio di documenti a un'unità USB è una forma di migrazione dei dati. Quello che ci interessa oggi è la migrazione da un host all'altro.

Qual è la migrazione da un host web a un altro?

Questo è l'intero processo che trasferisce tutti i dati da un sito Web che si trova con l'host A, all'host B per qualsiasi motivo. Prendiamo un sito web su un server e lo mettiamo su un altro server, lasciandolo ovviamente funzionare.

Per migrare da un host a un altro, esistono diversi metodi a seconda dell'host e delle sue capacità. Il nostro focus sarà sui punti da tenere in considerazione per la scelta dell'host B.

Come scegliere l'host giusto per la migrazionen di dati?

Fondamentalmente, la scelta di un host non è molto complicata. Hai solo bisogno di conoscere le esigenze del sito, impostare un budget e scegliere il meglio con la maggior esperienza.

Ma per la migrazione del sito Web, questa è un'altra storia. L'utente deve prestare attenzione ai vantaggi e alle altre funzionalità che consentiranno al proprio sito di continuare a funzionare normalmente dopo la migrazione.

Ecco alcuni punti importanti per la scelta di un host web per la migrazione di un sito web.

·         Disponibilità di migrazione automatizzata. Se l'host con cui vuoi collaborare dispone di un sistema di migrazione automatizzato, questo è un ottimo punto. Il processo di migrazione può essere piuttosto complesso per gli utenti normali e diversi punti possono essere problematici o addirittura critici. Non basta copiare e incollare sul nuovo hosting, no. Ci sono i file di configurazione del server da reinstallare, i database da trasferire, i permessi delle cartelle/file da implementare, i DNS da aggiornare, ecc. Questo processo non è per tutti e avere un sistema automatizzato può salvare la vita. Inoltre, prova a cercare un host web con esperienza in questo campo, poiché questo svolge un ruolo molto importante e tu qui troverai una panoramica dei fornitori di servizi fiduciari che vale sicuramente la pena considerare durante la migrazione al loro hosting.

·         Migrazione assistita. Oggigiorno molti host web offrono migrazioni assistite. Forniscono ai propri clienti tecnici per migrare tutti i dati dall'host A alle proprie infrastrutture. Questo rende questa operazione un po' complicata per un professionista, che riduce quasi a zero il rischio di errori o problemi durante il processo.

·         Aggiornamento DNS. Il DNS (Domain Name System) è un 'registro' che raggruppa tutti gli indirizzi web (URL) e gli indirizzi IP dei siti web. Un indirizzo web (URL), per esempio https://www.msn.com/fr-fr, è una sequenza di caratteri utilizzata per facilitare la navigazione agli utenti di Internet. Dietro questo URL, c'è un indirizzo IP (es: 192.62.247.1) e questo indirizzo punta alla posizione fisica del server che ospita il sito. Quindi, quando effettui la migrazione su un altro hosting, il tuo sito Web verrà trasferito su un altro server e avrà un nuovo indirizzo IP poiché non è più la stessa struttura. Affinché il tuo sito funzioni correttamente, il DNS deve essere aggiornato in modo che punti al nuovo indirizzo IP. Alcuni host web lo fanno automaticamente, il che ti rende più facile. Altri no e dovrai farlo manualmente.

·         Potenza del server. È possibile che a il sito web è stato lanciato su hosting condiviso, ma dopo pochi mesi il suo traffico è esploso ed è necessario passare a una piattaforma migliore. In questo caso, verifica le possibilità di migrazione dell'hosting interno (passaggio da un tipo condiviso a uno dedicato o altro), per avere più potenza, ma anche per eliminare virtualmente i problemi legati alla migrazione verso un altro fornitore di servizi, in quanto il cambiamento avverrà solo essere fatto internamente.

·         Prezzo. Di solito, il prezzo non dovrebbe far parte dell'equazione quando si cerca la migliore soluzione di hosting. Ma a volte lo è. Controlla i prezzi del nuovo fornitore di servizi e vedi se alla fine vincerai.

·         Posizione dei server. La posizione dei server non dovrebbe avere un impatto su un sito data la velocità di trasmissione dei dati su Internet. Tuttavia, SEO, o SEO, subirà un duro colpo se i server sono lontani del pubblico di destinazione. Quindi, è meglio scegliere un host web con server nel paese del tuo pubblico di destinazione, o almeno abbastanza vicino da avere un buon SEO, perché i motori di ricerca (Google, Bing, ecc.) prendono in considerazione la posizione degli utenti e siti web nella visualizzazione dei risultati.

Per alcune persone, migrare da un host a un altro può essere un vero grattacapo, soprattutto se non sanno come scegliere il nuovo host. Con i consigli in questo articolo, chiunque voglia migrare su un altro host sarà in grado di farlo e scegliere anche l'opzione migliore sul mercato.

Ho guadagnato i miei primi guadagni sul web nel 2012 sviluppando e monetizzando il traffico dei miei siti (AdSense...).


Dal 2013 e dai miei primi servizi professionali, ho avuto l'opportunità di partecipare allo sviluppo di più di 450 siti in più di +20 paesi.

Leggi anche sul blog

Visualizza tutti gli articoli
Non ci sono commenti

Un commento ?