SEO: il mio sito ha link tossici? Devo rinnegarli?

Stéphane lavora sul sito http://combiercocktails.fr; dopo aver guardato i suoi collegamenti da Ahrefs, sente che presentano un rischio, che lo sono link tossici per il suo sito.

È fondato?

 

I - I collegamenti a piè di pagina/a livello di sito possono essere tossici.

Cosa ci dice Majestic del sito?

Profilo Combier Majestic

 

2 soli domini di riferimento e un Trust Flow limitato, o meglio uno solo, dallo store ufficiale (http://combierboutique.fr), in modalità "sitewide" (ripetuta su tutte le pagine del sito).

Il secondo link è infatti un reindirizzamento da un sito fantasma (http://combiercocktail.fr).

A mio parere, è preferibile offrire un unico collegamento dalla Home di combierboutique.fr a combiercocktails.fr, quindi alcuni collegamenti mirati dalle pagine delle ricette di combiercocktails.fr alle pagine dei prodotti appropriati di combierboutique.fr.

L'idea che su questi 3 link, pochissimi rischiano di ricevere un click, di portare una visita; è quindi un segnale molto mediocre per Google; Al contrario, un collegamento mirato che porta traffico metterà Google molto più in fiducia.

Guarda il video di Rand Fishkin su MOZ su questo argomento: https://moz.com/blog/linking-internally-externally-from-your-site-whiteboard-friday

 

II - I link esterni tossici vengono ignorati da Google.

Google offre la possibilità ai Webmaster di sconfessare i link che considerano "spam" o "di scarsa qualità". Ciò impedisce a questi link mediocri di penalizzare un sito abbassandone le posizioni nelle classifiche dei motori di ricerca.

Vedi la sezione " Rifiuta i link "e lo strumento di Search Console.

 

Novità di settembre 2016: Google annuncia che il suo ultimo algoritmo, Penguin 4, filtra naturalmente i collegamenti non validi. Invece di penalizzare un sito per questo, ignora semplicemente quei collegamenti.

Vedere articolo JdN : "Rinunciare ai propri legami tossici diventa inutile".

 

Lo strumento di disconoscimento ha ancora un interesse? Sì, se ricevi una sanzione manuale per i link artificiali.

Hai quindi 2 opzioni prima di richiedere la revoca della sanzione:

  1. Rimuovere i collegamenti offensivi.
  2. Rifiutali.

 

Fabien, SEO at Vip-agence.com è uno dei riferimenti da seguire.

 

Fortunatamente, questo tipo di sanzione sta diventando relativamente raro; forse anche perché i webmaster ora stanno limitando gli abusi...

 

III - Il Trust Flow non è un indicatore definitivo di qualità.

L'ottima notizia di questa scelta di Google: VSE/PMI non saranno più oggetto di racket per servizi dubbi di " pulizia dei backlink".

Ovviamente non sto puntando alle uscite di rigore di Penguin. D'altra parte, ho riscontrato alcuni casi in cui "l'agenzia SEO" entra nello strumento di disconoscimento per i link naturali dai forum, con il pretesto di un basso Trust Flow.

Anche questo fine settimana stavo studiando un E-commerce specializzato in parti di falegnameria: si classifica sulla base di alcune directory SEO popolari… e link pubblicati su forum specializzati.

Flusso di fiducia generale? 4.

Sito Web di parti di carpenteria TrustFlow

 

Torniamo al sito di Stéphane e ai link tossici osservati su Ahrefs; cosa vediamo?

Link Combier Ahrefs

 

Infatti, tutti i link non elencati da Majestic sono decisamente "spam":

Collegamenti tossici combinati

 

Ma non appena andiamo alla pagina, è impossibile trovarli nel codice sorgente. Inoltre puntano tutti a pagine del sito Combier che non esistono.

È un test del cappello nero, una manipolazione del robot Ahrefs?

Sorprende non trovarli in Majestic, nemmeno in “Historic Index”.

Secondo SEMrush, il traffico del sito è moderato ma stabile. Come indicato da Google, indipendentemente dall'esistenza di questi collegamenti, non sono in grado di danneggiare il sito.

 

In conclusione:

Ciò che limita le potenzialità del sito, invece, è l'unico dominio di riferimento che ne garantisce la promozione..

È necessario trovare altri collegamenti a fonti per promuoverlo (directory, blog, distributori, forum, partner…).

 

Ho guadagnato i miei primi guadagni sul web nel 2012 sviluppando e monetizzando il traffico dei miei siti (AdSense...).


Dal 2013 e dai miei primi servizi professionali, ho avuto l'opportunità di partecipare allo sviluppo di più di 450 siti in più di +20 paesi.

Leggi anche sul blog

Visualizza tutti gli articoli
Non ci sono commenti

Un commento ?