Il 27 febbraio 2013, ho pubblicato l'articolo "Posiziona bene il tuo sito sui motori di ricerca". La sua correzione di bozze mi ha ispirato a fare alcuni commenti che condivido qui con voi.

 

1 / Tutti iniziano.

11 mesi sono tanti, soprattutto su Internet. Allora mi sono chiesto: cosa fare dei “vecchi” contenuti? Cancellarlo, riciclarlo? Scelgo un'opzione intermedia prendendo ispirazione da lui per produrre questo nuovo articolo.

Su molti siti di riferimento, i primi articoli non rompono i mattoni. Nel 2004, Rand fatica ad allineare più di 100 parole in un articolo. L'interesse dei lettori si fa sentire: 7 condivisioni social in totale (forse 4 se si contano quelle dell'autore).

Tutti sono stati principianti una volta, hanno scritto articoli "medi" o peggio.

Un'osservazione logica in ogni caso: sembra più facile interessare gli utenti di Internet con contenuti ricchi.

Un'altra osservazione: competenza e successo, anche per un brillante, richiedono anni di sforzi. Il reddito passivo, la settimana di 4 ore, ecc., richiedono sacrifici intensi in anticipo ... per quanto poco sia il tuo obiettivo.

Può un imprenditore che è abituato a lavorare tutto il tempo "prendersela comoda" durante la notte e solo "profittare"?

Un'altra domanda: possiamo avere successo semplicemente essendo motivati ​​dalla ricerca del profitto? Se il profitto non arriva rapidamente, è facile scoraggiarsi.

 

2 / La nostra visione sta cambiando (la mia certamente).

In questo articolo, ho evidenziato l'importanza:

a / La scelta delle parole chiave e del titolo degli articoli: questo è tradizionalmente il primo passo SEO quando si costruisce un sito. Ma questo non è più il primo passo nel mio approccio. Ora sono principalmente interessato alla prospettiva ideale, al target di marketing.

b / Il nome a dominio: anche qui, sono maturato. Non includo più sistematicamente parole chiave nel nome di dominio. Google ha leggermente svalutato questo criterio che probabilmente rappresenta circa il 7 o l'8% dei fattori di ranking.

Per le aziende serie, consiglio di pensare a lungo termine e di lavorare sul loro marchio. Ciò non impedisce di iniziare con un nome di dominio basato su dominio. Devi solo misurare tutte le implicazioni della scelta del nome.

c / Accessibilità, conversione: fare una prima buona impressione sul visitatore è sempre vitale. Oggi parlerò di più dell'esperienza utente e delle pagine di destinazione.

d/Contenuto: l'attualità di questo criterio è molto calda con le nozioni di corpus, entità, semantica... Se ho menzionato l'interesse di pubblicare regolarmente per ottenere più parole chiave, non ho detto nulla sulla lunghezza. Google sembra preferire pagine da 2 parole (sì, è meglio essere ispirati).

 

3 / Un importante criterio mancante: i collegamenti.

Ho aperto questo sito come tanti blogger, senza preoccuparmi dei link. Questo non ha impedito al traffico di decollare tranquillamente: il sito si è distinto per molte parole chiave.

Ovviamente, senza link, un sito si posizionerà solo su richieste non competitive. Gli idraulici parigini ne sanno qualcosa.

I link rimangono il principale fattore di ranking per una pagina (circa il 40%).

In tal modo :

- Il i link non fanno tutto. Ma possono essere sufficienti per classificare bene un sito.

- I link possono portare un pubblico... ma non convertirlo.

- I collegamenti sono anche ... il rete interna. Più pagine ha un sito, più riflessione è necessaria.

 

4 / Posiziona bene il tuo sito sui motori di ricerca: un obiettivo incompleto.

Posizionarsi bene nei motori di ricerca è un passo, un mezzo. La base rimane quella di attirare visitatori qualificati per trasformarli in clienti.

Avere migliaia di visitatori ogni mese ma solo pochi nuovi clienti è di scarso interesse.

Inoltre, la SEO è uno strumento tra gli altri per sviluppare il proprio fatturato; sarà un peccato mettere da parte la SEA, la SMO, il mailing, l'affiliazione ecc.

Alcune aziende fanno molto bene senza SEO. Potrebbero fare ancora meglio con esso. Proprio come i follower "tutti SEO" otterrebbero risultati migliori utilizzando diversi canali di acquisizione del traffico.

 

Foto di urbanmkr.