Apri una e-boutique per i prodotti a rifiuti zero!

L'ecologia e la protezione dell'ambiente sono oggi al centro di tutte le preoccupazioni, uno dei motivi per cui molte persone si stanno imbarcando nella creazione di una e-boutique a rifiuti zero. I francesi sono sempre più reattivi su questo argomento e iniziano ad adottare un comportamento eco-responsabile. Ti invito a scoprire come avviare il tuo e-shop a rifiuti zero e le varie procedure amministrative.

Come lanciare una e-boutique a rifiuti zero?

Prima di tutto, dovresti sapere che intraprendere la creazione di un negozio online richiede riflessione. Rispetto ad un negozio fisico, l'e-store è comunque vantaggioso, in quanto accessibile 24 ore su 24 e permette di acquisire una clientela internazionale.

Passi da compiere per creare un negozio online a rifiuti zero

Prima di creare il tuo negozio online, sappi che è imperativo definisci la tua struttura legale. Puoi metterti in proprio per diventare il capo di te stesso. Inoltre, le procedure sono semplificate, perché sono al 100% online. Un grande risparmio di tempo!

solo dichiararsi lavoratore autonomo online compilando il modulo proposto. Sarai assoggettato a un regime fiscale e sociale vantaggioso e otterrai il tuo numero aziendale con la tua iscrizione all'anagrafe.

Lo status di lavoratore autonomo è vantaggioso quando si inizia, soprattutto per una piccola impresa. Successivamente, se generi vendite, puoi optare per altri statuti come SAS o SARL.

I passaggi essenziali nella creazione di un negozio online

Il primo passo per lanciare una e-boutique inizia con lo studio di mercato, ovvero lo studio della sua redditività, del settore di tua scelta come scarpe, cosmetici, mobili e abbigliamento, cibo, e lo studio della ricerca di fornitori per i tuoi prodotti a rifiuti zero.

Allora devi farlo crea il tuo sito web per vendi i tuoi prodotti online, in particolare avvalendosi dell'aiuto di un'agenzia web o di uno sviluppatore indipendente, utilizzando supporti di vendita e-commerce o siti di aste, utilizzando un CMS o un sistema di gestione dei contenuti, ecc.

Devi anche pensare all'elaborazione degli ordini, alla gestione dell'inventario, ai metodi di pagamento e alla sicurezza, alla consegna e persino alla pubblicità.

Obblighi legali nel lancio di un negozio online

Quando avvii il tuo negozio online, prendi in considerazione la registrazione di un nome di dominio presentando una richiesta all'Associazione francese per i nomi di Internet in cooperazione o all'Internic. Devi anche verificare con l'INPI che il nome non sia ancora utilizzato e registrare il tuo lì.

Allora devi farlo dichiara il tuo sito alla CNIL o Commissione Nazionale per l'Informatica e le Libertà, visualizza sul tuo sito informazioni legali come il nome e i dettagli di contatto dell'host, del webmaster, la nota sulla gestione dei dati personali, ecc.

Inoltre, dovrai scegliere il modello di business adatto alle tue esigenze: diventare un rivenditore, diventare un grossista, aprire un negozio dropshipping, ecc.

Un negozio a rifiuti zero: come funziona?

Aprire un negozio a rifiuti zero fa parte di un approccio eco-responsabile. Questo approccio è stato stabilito per facilitare il passaggio a uno stile di vita a rifiuti zero, al fine di preservare l'ambiente.

L'obiettivo è quello di offrire prodotti e oggetti che rispettino l'ambiente, in particolare nell'ambito della loro progettazione e realizzazione, e di scegliere prodotti resistenti e riutilizzabili.

Per un negozio online, spedire pacchi è essenziale, allora l'imballaggio in cartone rimane la soluzione migliore, piuttosto che sacchetti di plastica particolarmente inquinanti.

Ho guadagnato i miei primi guadagni sul web nel 2012 sviluppando e monetizzando il traffico dei miei siti (AdSense...).


Dal 2013 e dai miei primi servizi professionali, ho avuto l'opportunità di partecipare allo sviluppo di più di 450 siti in più di +20 paesi.

Leggi anche sul blog

Visualizza tutti gli articoli
Non ci sono commenti

Un commento ?