In che modo la realtà aumentata ottimizza il marketing immersivo?

I marchi sono costantemente alla ricerca di modi nuovi ed efficaci per convincere i propri clienti ad acquistare i loro prodotti o ad adottare i loro servizi. Tra i più recenti c'è la realtà aumentata, un processo con cui intendono ottimizzare il loro marketing immersivo. Cos'è questa tecnologia e quali sono i vantaggi per le aziende di utilizzarla? Questo è quello che ti spiego di seguito!

 

Focus sulla realtà aumentata

Come suggerisce il nome, la realtà aumentata è una tecnica che permetteinserire abilmente elementi 2D o 3D in un'immagine reale. Mescola sapientemente realtà e finzione e fornisce un altro mondo in cui il consumatore può proiettarsi o fare riferimento.

Uno degli esempi più famosi di realtà aumentata è l'effetto Pokémon Go che ha permesso a molti commercianti di aumentare le proprie vendite. Altre aziende, come un'agenzia specializzata in realtà aumentata offrire questo tipo di materiale innovativo in termini di immagine reale. Queste tecniche vengono utilizzate negli annunci pubblicitari o nel marketing digitale.

A seconda degli obiettivi da raggiungere, possono essere utilizzati anche per progettare vetrine interattive, camerini virtuali o comunicazione di eventi, con risultati sempre sorprendenti.

 

Che cos'è il marketing immersivo?

Il marketing immersivo racchiude le tecniche che consentono di provocare questa immersione totale del prospect o del cliente nel mondo del prodotto o del brand.

Se in precedenza il marketing del punto vendita sensoriale o esperienziale era l'unico modo per raggiungere questo obiettivo, si è diffuso nell'uso di siti Web, mostre e altre fiere. L'obiettivo è quello di immergere completamente il visitatore, virtuale o fisico, nell'universo del marchio o del prodotto proposto al fine di avere una panoramica del suo uso o effetto. Con l'avanzare delle nuove tecnologie, ne fanno parte anche la realtà virtuale, la realtà aumentata e i video a 360°.

immagine-di-marketing-migliorata

 

L'utilità della realtà aumentata nel marketing

Come quello degli altri due, l'uso della realtà aumentata è sempre più diffuso nel marketing e nella pubblicità. Per una buona ragione, la sua capacità di far interagire il virtuale con la realtà lo rende un efficace strumento di marketing immersivo.

Grazie ad essa, il potenziale cliente prova e sperimenta virtualmente il prodotto e si rende subito conto dei suoi vantaggi o svantaggi. Non servono spiegazioni o laboriosi esperimenti, le immagini e le parole parlano da sole. Questo processo faciliterà notevolmente la scelta del cliente e il suo eventuale acquisto.

 

I vantaggi della realtà aumentata per un brand

Qualunque sia il settore di attività in cui operi, la realtà aumentata ti offre molti vantaggi.

Crea sentimenti di empatia

Uno di questi è creare empatia, il sentimento più ricercato dai clienti o dal pubblico degli eventi aziendali.

Usandolo nel tuo marketing immersivo, colpisci le corde del cuore dei tuoi clienti e puoi assicurarti di ottenere la reazione che speri di innescare. I risultati ottenuti dalle organizzazioni umanitarie durante la loro raccolta fondi nel 2015 ne sono una prova concreta. Questo è il film Clouds Over Sidra prodotto dall'ONU e i cui obiettivi previsti dalla sua produzione sono stati ampiamente superati del 70%. Anche se è stato progettato solo in realtà virtuale a 360°, lo aveva già dimostrato l'efficienza della tecnologia utilizzata.

Crea emozione

Combinando il concreto e il virtuale, la realtà aumentata permette anche di creare emozioni, come se l'utente sperimentasse davvero ciò che vede.

Migliora così l'esperienza vissuta del futuro cliente, una delle fonti più efficaci di coinvolgimento che incoraggiano l'acquisto. Questo è uno dei motivi principali per integrarlo nella tua strategia di comunicazione aziendale, perché crea il desiderio di appropriarsi immediatamente del prodotto o servizio.

Inoltre, un sondaggio ha mostrato che in BtoB, oltre l'88% dei potenziali clienti è più propenso a ordinare dopo aver utilizzato un'applicazione di realtà virtuale o aumentata.

 

Realtà aumentata per un'esperienza quasi reale

La realtà aumentata consente a un consumatore di progetto nel futuro una volta che il prodotto è stato appropriato. Integrandolo nel mezzo utilizzato, il consumatore è in grado di assimilarlo meglio.

Questo è ciò che usava un famoso marchio nella vendita di mobili, che riorganizza virtualmente il soggiorno del suo cliente integrando il tavolo, la sedia o la poltrona prescelti... Senza nemmeno averlo ordinato, il cliente può verificare in anticipo se il mobile su che egli pone nel mirino va o no con quelli che già possiede. Lo stesso vale per il suo stile, colore, dimensione, ecc.

 

La realtà aumentata integra il marketing

Ci siamo resi conto che l'AR si adatta perfettamente al marketing immersivo, perché permetteottenere risultati soddisfacenti sia in termini di vendite che di coinvolgimento.

Anche il consumatore vi vede il suo interesse, perché lo aiuta a fare la sua scelta velocemente, il che rappresenta un notevole risparmio di tempo. Tuttavia, i marketer hanno interesse ad orientarlo verso il consumatore e non verso il regista, perché l'obiettivo finale è interessare il consumatore o il cliente.

Il suo contenuto deve soddisfare le esigenze dei clienti in modo originale ad ogni dimostrazione. È importante fornire contenuti originali che non vengono copiati da nessuna parte, per un'esperienza unica ad ogni utilizzo. Per essere efficaci, devono generare i sentimenti ricercati e attesi.

 

Esempi di applicazioni di realtà aumentata

Dal lancio del gioco Pokémon Go, sono apparse altre applicazioni di realtà aumentata, per citare solo quella di Google: il progetto Tango. Utilizzato su smartphone dotati di sensori, ha democratizzato tra gli utenti il ​​suo utilizzo che consisteva in arricchire l'immagine catturata dalla fotocamera con altre informazioni.

 

Ho guadagnato i miei primi guadagni sul web nel 2012 sviluppando e monetizzando il traffico dei miei siti (AdSense...).


Dal 2013 e dai miei primi servizi professionali, ho avuto l'opportunità di partecipare allo sviluppo di più di 450 siti in più di +20 paesi.

Leggi anche sul blog

Visualizza tutti gli articoli
Non ci sono commenti

Un commento ?