E-commerce: 3 punti essenziali per impostare l'invio dei tuoi pacchi

Avviare un'attività di E-commerce non è mai stato così facile dal punto di vista tecnico, ma mai così difficile a causa della concorrenza e di una certa maturità del mercato.

La migliore definizione di E-commerce? La metafora dell'assemblea secondo palla di cannone:

Niente è facile, niente si acquisisce nell'E-commerce.

In media, l'e-merchant impiegherà 3 anni per ottenere un salario minimo... o si arrenderà molto prima. Rischia di cadere in 2 trappole grossolane:

1 / Offri un prodotto standard, generico: la battaglia è poi sul prezzo.

2 / Offri un prodotto originale ma metti da parte il Web Marketing (SEO, SEA, SMO, mailing…). Non traduco questi acronimi per rendere omaggio ai lettori abituali del blog;).

Una volta che hai il prodotto giusto e un piano di marketing di successo, sei maturo per pensare ai seguenti 3 punti:

1 / Come sarà costruito il tuo sito? Certamente su un CMS (Content Management System - sistema di gestione dei contenuti). Quale scegliere?

2 / Quale fornitore di servizi dovresti scegliere per spedire i tuoi pacchi?

3 / Quali caratteristiche possono fare la differenza?

1 / Scegli il CMS giusto

Se come me, ti piace uscire con builtwith, avrai notato la crescente quota di CMS nel primo milione dei più grandi siti di e-commerce globali:

WooCommerce (estensione e-commerce di WordPress) è il leader di mercato, davanti a Shopify, una soluzione più "chiavi in ​​mano".

WooCommerce/Wordpress si impone grazie al suo accesso gratuito, alla sua vasta community e alle sue estensioni a pagamento a prezzi moderati.

Shopify è ancora più facile da usare per i principianti... ma qualsiasi estensione è a pagamento, sotto forma di abbonamento e la soluzione non è completamente personalizzabile.

In terza posizione, Magento è una soluzione robusta ben nota alle agenzie web e ai professionisti, ma perdere slancio di fronte a WooCommerce, ancora basato su statistiche builtwith.

Ti consiglio quindi di andare su uno di questi 3 CMS (con magari una preferenza personale per WooCommerce/Wordpress…) per poter integrare facilmente un'estensione/software di invio di pacchetti. Quindi devi scegliere il tuo provider.

2 / Quale azienda può spedire i tuoi pacchi?

Il COVID obbliga, non molte persone al momento;).

E alcune spedizioni avranno la priorità...

Al di fuori del periodo di crisi, a livello nazionale, le soluzioni più note sono Colissimo e Chronopost; Anche La Poste ha insistito molto all'inizio dell'anno lettera seguita nei suoi annunci radiofonici.

Poi arrivano Mondial Relay (associato a LeBonCoin dallo scorso anno per le consegne), DHL, UPS, GLS... Nota che se spedisci al di fuori della zona UE, un fattura commerciale sarà imperativo.

Sta a te vedere quale partner ti si addice meglio a seconda dei tuoi prodotti e della tua posizione. Le opzioni possono fare la differenza...

3 / Quali caratteristiche possono semplificarti la vita?

Alcuni software integrano i gestori direttamente nel tuo CMS e offrono in particolare 2 opzioni:
a/o approfittare della loro tariffa negoziata direttamente.
b/ Oppure importare i propri contratti in cambio di un abbonamento.

Un buon software deve anche offrire opzioni convincenti per il follow-up delle consegne… e il ritorno del cliente, tendine della guerra della soddisfazione. Ricorda che il tuo cliente avrà 14 giorni a cui pensare:

Ma piuttosto che stressarti immaginando che i pacchi ti ritornino, mettiti nei panni del tuo cliente per un momento. Rassicuralo, aiutalo a non esitare a ordinare. Questo è ciò che stanno facendo molti marchi in offrendo un ritardo di 30, 60 o 90 giorni !

Ho guadagnato i miei primi guadagni sul web nel 2012 sviluppando e monetizzando il traffico dei miei siti (AdSense...).


Dal 2013 e dai miei primi servizi professionali, ho avuto l'opportunità di partecipare allo sviluppo di più di 450 siti in più di +20 paesi.

Leggi anche sul blog

Visualizza tutti gli articoli
Non ci sono commenti

Un commento ?